IV Domenica di Quaresima – Il Signore illumina la nostra vita, il Signore guarda il cuore

Pubblicato giorno 20 marzo 2020 - In home page

WhatsApp Image 2020-03-18 at 12.57.12
IL SIGNORE ILLUMINA LA NOSTRA VITA – IL SIGNORE GUARDA IL CUORE

Il Signore ci dissuade e ci invita a non guardare all’aspetto fisico delle persone. L’uomo vede l’apparenza, il Signore guarda il cuore. Samuele, il personaggio della prima lettura, deve imparare a guardare la realtà e le persone con occhio diverso: è proprio quello che ci insegna a fare la parola di Dio. Nel racconto del vangelo di Giovanni, Gesù crea la possibilità di vedere e, nel cammino della Quaresima, ci pone davanti il grande annuncio della grazia che ci è stata fatta: il Signore ci ha aperto gli occhi, ci ha dato la possibilità di vedere ciò che conta, anche in questo “strano tempo”, di privazione, di rinunce quaresimali  e di malattia, il coronavirus, che ci tiene lontano da tutti e da tutto.

Siamo ciechi anche noi, anche se pretendiamo di vedere, di capire, di sapere, di esser capaci di un giudizio autonomo. Riconosciamo piuttosto la nostra debolezza!

Siamo prigionieri delle apparenze, purtroppo anche noi ci lasciamo prendere molte volte dall’esteriorità. In teoria, diciamo di guardare l’essenziale, di valorizzare le persone per quello che sono, di essere imparziali con tutti; di fatto, però, le apparenze, le cose belle, gli aspetti positivi, quel che ci piace e ci colpisce, predominano.

Un impegno grandioso ed importante è imparare a superare le apparenze e vedere la sostanza.

Vedere ciò che conta nella vita.

PICCOLO ESERCIZIO PER LA VITA QUOTIDIANA – superare le apparenze

Aiutiamoci a vivere questa domenica con un gesto. Dedichiamo un pensiero affettuoso a chi, nella nostra comunità, apprezziamo meno, magari perché ci è antipatico o ci ha fatto uno sgarbo. Presentiamolo al Padre con una preghiera creata da noi stessi.

(dal sussidio liturgico-pastorale “Quaresima e Pasqua”, ed. San Paolo)

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Lascia un commento

  • (will not be published)