Uniti, nella preghiera – Pasqua di Risurrezione. RESURREZIONE: LA FEDE CI SPINGE A CORRERE

Pubblicato giorno 4 aprile 2021 - In home page

pasqua21

“Entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette”. Quell’uomo non vide niente di speciale, nessun fuoco d’artificio, solo dei teli e il sudario posati là: questa è la straordinarietà, questo il motivo per rinnovare la nostra fede cristiana ogni giorno.

“Il primo giorno della settimana”: Tutto avviene di domenica.

Qualsiasi cosa sarà per noi significativa solo se permettiamo che sia un nuovo inizio.

La vita si ricrea, se noi accettiamo la sua novità.

Ogni mattina comincia un nuovo giorno ed io, inizio con lui; mi preparo la colazione come se stessi scoprendo il miracolo del latte, del caffé, del burro, del pane e cammino nella mia casa come se fossi un esploratore; senza la disposizione a ricominciare in ogni istante non c’è nulla da fare, non c’è possibilità di una vita vissuta con e nella fede.

Cominciare significa chiudere al passato e aprirsi all’inatteso perché è solo lì che ci attende la vita.

La notizia della risurrezione va “portata di corsa perché urgente”: Gesù è vivo, noi siamo vivi, la vita è vita!

La fede nasce da una corsa e ci porta a correre: “l’amore del Cristo ci spinge”, il cuore di ogni innamorato esplode, la nostra fede esplode.

Vuoi vivere? Recati nel luogo della morte.

Vuoi amare? Preparati al dolore.

Vuoi conoscere il Risuscitato? Entra nel sepolcro, nel tuo sepolcro, quello in cui ti stai sotterando da anni e dove ti sei semi-putrefatto; lì, nella tua oscurità, ti attende la vita.

La luce è l’ombra illuminata.

Il Risuscitato è la morte vinta.

Gesù ti attende proprio nel luogo da cui fuggi, perché tu sappia che Lui è più forte di ciò che più ti terrorizza.

Senza fiato per la corsa, i discepoli vedono il sudario e i teli: la fede è un nuovo modo di vedere il mondo. Essi vedono l’impronta dell’amore, essi vedono il loro Maestro, essi vedono la Sua Presenza senza condizioni.

 

PICCOLO ESERCIZIO SPIRITUALE –  vedere l’amore

Vedo l’amore in una telefonata, nel saluto del vicino, nel cellulare che squilla, nella caffettiera fumante, nel letto rifatto, nella tavola imbandita, nella pioggia che picchietta sulla finestra, nel sole che sorge al mattino, nel verde intenso della campagna…

La fede serve per vedere l’Amore.

Scopriamoci amati e viviamo.

Buona Pasqua di Risurrezione!

(Tratto da: “Resurrezione: la fede ci spinge a correre” –  27.03.2021, di Pablo d’Ors, Consultore del Pontificio Consiglio della Cultura, nominato da Papa Francesco)

Lascia un commento

  • (will not be published)